07.10.2016

Migrare un layout da Bootstrap di Twitter a jQuery Mobile

Si accavallano e cercano di rimpiazzarsi a vicenda i vari framework per la migliore definizione mobile (app-style) di un progetto web che simula, e simula soltanto l’essere APP. Diamoci la verità: due e due soltanto possono essere le linee di pensiero tra i programmatori: la prima vede i tra le sue fila i fedelissimi del fatto che il futuro è fatto di web, e non di app native per cui la difficoltà di programmazione dei linguaggi nativi delle app (objective-C e Java) scoraggia la loro reale capacità di imporsi sul mercato in modo assoluto e che il futuro vedrà l’imporsi del dover rendere omogeneo il codice per il web, fatto di HTML, CSS e Javascript. La seconda linea di pensiero vede invece le app native dominare su tutto ed il web che tenta di assomigliare allo stile “APP”. In entrambe i casi il layout deve fare i conti con una enormità di supporti quali smartphone, tablet, laptop e desktop (solo per dirne alcuni) e che quindi il dogma è il responsivo/adattivo (qualcuno è in grado di fare la differenza tra i due termini?) ovvero la possibilità di ogni tecnologia di ridisegnare se stessa sulla base dello schermo/supporto che la richiama per una UI friendly e confortevole. Tornando a noi, tornando a bomba, ogni sviluppatore deve fare una scelta importante e tirare i suoi dati alla volta di una credenza oppure di un’altra, consapovole del fatto che se azzecca il futuro avrà un lavoro, se fallisce la scelta si ritroverà disoccupato. Oggi la corsa è quella ad “indovinare” il framework che permette di simulare meglio non solo le app, ma la professionalità stessa, intesa come miglior rapporto tra la qualità di un lavoro e la capacità di essere prodotto (questo lavoro) nel minor tempo possibile. Questo è il tempo di ionic che viene “fuori” da angular.js, prodotto da google e per questo sinonimo di garanzia e di qualità. Titanium, unico o quasi nella capacità di compilare i sorgenti delle due grandi famiglie di app (Apple con ios e Android con Google) da un’unica sorgente javascript, si è imposto sul mercato già da qualche tempo, altri tentano di farsi spazio puntando sulla capacità di essere rapidi e di stupire. Da parte mia la scelta cade su jquery mobile e su sencha touch. Lo stesso progetto newsme ha visto la sua nascita come clone di questo sito e migra, trasforma la sua veste quasi completamente da un layout Bootstrap di Twitter ad un layout jQuery Mobile mantenendo integro il suo core, stabile e robusto, completamente manipolato e customizzato, di WordPress. Sono convinto del fatto che tra non più di 5-7 anni il web sarà completamente popolato di sole webapp ovvero App in linguaggio web. Gli stessi Sistemi Operativi non sono lontani dall’essere WEB, lo sapevate?

commenti

Menu
cancel