23.11.2017

Il mondo del lavoro web, dialogo tra art-director e sviluppatore (parte prima)

Michele Settembre - Struttura html5

Molti si chiedono come si svolga il lavoro nel mondo del web e nel caso particolare nel mondo della produzione del web, realizzazione di siti, portali, webapp ma anche in contesti più specifici come social, social media marketing e in molte altre discipline legate al digitale.

I nostri risultati sono eccitanti: oggetti che fluttuano, animazioni alla “star trek” e incastri degni dei migliori architetti, ma cosa si nasconde dietro le quinte della produzione web?

Abbiamo deciso di svelare alcuni segretissimi passaggi che rendono possibili i miracoli del web. Questi miracoli sono le pagine dei vostri progetti web, le fantastiche funzionalità che sono a vostra disposizione grazie all’ottimo coordinamento delle forze lavoro che sono richieste nel web. Noi abbiamo reso possibile la vostra immagine sul web attraverso i nostri progetti, abbiamo reso possible la comunicazione, lo sharing, il marketing e la vendita attraverso il nostro lavoro, che ha trasformato un’idea in una pagina o una funzione web.

Oggi noi vogliamo mostrarvi parte di ciò che non vedete, quello che accade quando, dopo aver raccolto le vostre richieste, torniamo alle nostre case, o ai nostri studi, e per voi “creiamo”.
Ecco parte di una conversazione “tecnica” nella fase delicata della realizzazione di una pagina di portfolio per un professionista (iniziamo con esempi semplici, facilmente comprensibili):

Art-director: – Allora, Mic, ho pensato che qui potremmo partire con un box rotondo che quando l’utente ci passa sopra col mouse diventa quadrato e dentro appare il nome del professionista – 
Sviluppatore: – Dunque, in primo luogo Google scredita i contenuti nascosti per cui dovremmo evitare di far “apparire” cose importanti come il nome del professionista, in secondo luogo stiamo partendo da “mobile” [nota dell’autore: navigazione da smartphone e tablet] per cui l’azione “al passaggio del mouse su qualcosa” non è possibile perché non c’è il mouse, si usano le dita … – 
Art-director: – come non c’è il mouse? ma il dito sullo schermo non fa da mouse? – 
Sviluppatore: – eh no! altrimenti come si simula il “doppio click del mouse”? – 
Art-director: – non si fa tenendo premuto a lungo il dito sullo schermo? – 
Sviluppatore: – No, quello simula il tasto destro –
Art-director: – Il tasto destro de che? –
Sviluppatore: – Del mouse – 
Art-director: – Io sto su Mac, non c’è il tasto destro – 
Sviluppatore: – (pensiero) Oddio! – 
Art-director: – Vabbè dai, intanto metti l’ombretta sotto l’etichetta – 
Sviluppatore: – Ma dai! … serve proprio l’ombretta? non la vede nessuno! – 
Art-director: – Ma che dici? se non metti l’ombretta il sito è una merda – 
Sviluppatore: – ma che dici? nel progetto di (nome del progetto) mi avevi detto di metterla, io non ce l’ho messa e tu non te ne sei mai accorta! – 
Art-director: – Ecco che era quel fastidio che sentivo al mattina preparando il caffè!! Io credevo che cambiasse il tempo ma poi a Roma non piove da sei mesi …  e invece mancava l’ombretta, ce la metti? –
Sviluppatore: – Finiamo qui ora? – 
Art-director: – si si dai che devo andare in palestra, finiamo alla svelta, allora, al posto dell’ombretta in questo progetto mettiamo i fiorellini sugli angoli dei box, che ne dici? – 
Sviluppatore: – ma il cliente è un body-builder, un preparatore atletico di 130 chili che per colazione abbatte gli alberi con l’ascia, dici che i fiorellini sono pertinenti?
Art-director: – Certo! Guarda che ci sono i fiorellini col le apine sul barattolo degli steroidi che usa! Io ci sto attenta a queste cose! –
Sviluppatore: – Vabbè, qui il colore va bene? – 
Art-director: – Ma che dici? Nel PSD (file di progetto prodotto dall’art-director come reference per gli sviluppatori e mai realmente preso in considerazione dagli sviluppatori) il box è sul tono del verde e tu l’hai fatto rosso! – 
Sviluppatore: – Ma contano i colori? piuttosto… ho fatto una funzione fichissima che calcola il coseno della tangente della radice del dato che inserisce il cliente, te la voglio far vedere … – 
Art-director: – Il cliente ha detto che non glie ne frega un cazzo di tutti i tuoi calcoli, vuole che la pagina mostri con enfasi (e quindi inserisco i fiorellini anche qui) che fanno i miracoli perché devono vendere il prodotto e dicono che i numeri non se li guarda nessuno, in più io devo andare in palestra e i tuoi numeri non li capisco! – 
Sviluppatore: – Come??? I fiorellini e le enfasi al posto dei calcoli combinatori??? …mi ci è voluto un giorno per fare le formule e secondo te le butto nel cesso perché il cliente vuole mostrare  tutto come se fosse un paesaggio bucolico?? – 
Art-director: – il cliente ha detto che ci paga il doppio se facciamo come vogliono … – 
Sviluppatore: – Ah, allora va bene, butto i numeri, mettici i fiori! 😉 – 

[continua…]

commenti

Menu
cancel