2 November, 2015

Lungarno – I ponti di Firenze

Nota panorama: L'immagine che stai guardando è un panorama che è un'immagine composta da più fotografie e se clicchi sull'immagine potrai esplorarla con un visore che permette lo scorrimento orizzontale o verticale a seconda dell'orientamento del panorama

Siamo in viaggio. Non tutti, ma molti, e di questi, chi più chi meno, muovendosi attraverso la vita, anche quando credono di aver visto tutto quello che per loro c’era da vedere, anche dopo aver creduto che non ci sarebbe più stato nulla da dover imparare, si ritrovano un giorno a ricominciare qualcosa. Ricominciare è parte fondamentale delle esperienze di questa vita. Ricominciare a muoversi, ricominciare ad imparare, a parlare, a volte ricominciare a camminare, ricominciare a credere, a sperare.

Questa sensazione è per me Firenze con la macchina fotografica in mano, perché ho avuto forte nel cuore la sensazione di aver imparato Roma, con la macchina fotografica in mano, e quando mi trovo a Firenze, ho forte la sensazione di dover ricominciare ad imparare una città. Credo possa assomigliare alla sensazione di essere andato in moto per una vita e poi, dopo tanti anni senza averla toccata, riprendi la bicicletta. Non è la stessa cosa che andare in moto, si è vero, le ruote sono due, si ha a che fare con l’equilibrio, ma non è la stessa cosa. Si deve ricominciare ad imparare.

Firenze lungarno è silenzio, la musica è presente ma non ha volume, è stata tolta all’improvviso e io sento forte che non so ancora fotografarla, ma la città sembra avere pazienza per questo, la città che ha suoi colori che sanno di sabbia e legno, la città fatta di persone in bicicletta, dove le biciclette sono ancora intonate alla città, dove ancora conta la stoffa e la trama del capello in testa agli anziani, dove si discute ancora il lavoro fuori dalle botteghe o al tavolo di una trattoria con la porta aperta sul sole che batte caldo sulla piazza.

Firenze dei tavoli in strada dove non manca mai il pane, l’olio buono, il vino ed un passerotto che chiede la grazia.

Menu

cancel
more_vert